GIORDANIA - Amman

In viaggio tra Impegno, Archeologia e Natura!

  • Viaggi Culturali , Turismo Responsabile
  • 8 giorni / 7 notti
  • Volo di Linea
  • Come da Programma

Viaggio alla scoperta dei siti archeologici più belli della Giordania con visite a realtà volte allo sviluppo e al sostegno economico minoranze locali. La Giordania offre molti di tesori e paesaggi senza tempo. I tanti siti archeologici e le antiche città sono rimasti quasi completamente inalterati a testimoniare il passato di uno dei principali centri di scambio commerciale tra Oriente ed Occidente.

Il viaggio inizierà ad Amman con un city trek alla scoperta della capitale, tra tradizioni e modernità. Le principali tappe di interesse archeologico e culturale che toccheremo, saranno Umm Qays, ribattezzata come la “nuova Atene”, Pella, ricca di rovine del periodo greco-romano, Jerash e Madaba, con la Strada dei Re, Kerak, oscuro dedaleo di sale con volte in pietra e infiniti passaggi. Tappa immancabile del viaggio è Petra, il tesoro più prezioso della Giordania, con le sue gigantesche montagne rosse e i grandi mausolei, davanti ai quali non si può che esprimere tutta l’ammirazione verso una delle più preziose meraviglie che la natura e l’uomo abbiano mai creato. Avremo occasione di addentrarsi in paesaggi naturali di prezioso valore come la Riserva Forestale di Ajloun, la Riserva della Biosfera di Dana, che scopriremo con un mini trekking lungo sentieri di pascolo dei beduini, o il deserto del Wadi Rum, luogo di richiamo a un paesaggio senza tempo. Dal Monte Nebo si potrà godere un panorama che abbraccia il Mar Morto, la Valle del Giordano, Gerico e le lontane colline di Gerusalemme. Sul Mar Morto potremo infine provare l'esperienza di galleggiare sulla superficie delle sue salatissime acque.


 


Dettagli

PROGRAMMA

1° GIORNO: ITALIA - AMMAN
Arrivo all’aeroporto Internazionale di Amman. Incontro con il nostro referente locale. Trasferimento con pulmino privato in albergo. Pranzo libero. Nel pomeriggio city trek nella capitale: Amman, capitale della Giordania, è una città affascinante e ricca di contrasti che mescola in modo unico antico e moderno, situata su una zona collinare ideale tra il deserto e la fertile Valle del Giordano. Nel cuore commerciale della città, edifici ultramoderni, hotel, eleganti ristoranti, gallerie d'arte e boutique si susseguono accanto ai tradizionali caffè e alle piccole botteghe degli artigiani. Ovunque è possibile rinvenire tracce del passato storico della città. Data la sua odierna prosperità e grazie al clima temperato, quasi la metà della popolazione della Giordania è concentrata nell'area di Amman. I sobborghi residenziali consistono principalmente di strade e viali alberati fiancheggiati da eleganti case quasi esclusivamente bianche, per via di una legge locale che stabilisce che tutti gli edifici devono essere rivestiti con la pietra tipica del luogo. Cena libera. Pernottamento in Guest House ad Amman.

2° GIORNO: AMMAN – UMM QAYS – PELLA – RISERVA DI AJLOUN
Prima colazione in guest house e check out. Partenza verso nord per la visita di Umm Qays, città che in passato fu un rinomato centro culturale. Patria di molti poeti e filosofi classici, fu ribattezzata "nuova Atene". Abbarbicata su una splendida altura sovrastante la Valle del Giordano e il Mare di Galilea, Umm Qays (un tempo nota come Gadara) vanta splendide strade colonnate, una terrazza dal tetto a volta e le rovine di due teatri. Pranzo libero. Nel pomeriggio direzione Valle del Giordano e sosta a Pella. Pella è uno dei siti preferiti dagli archeologi per la copiosità dei ritrovamenti, alcuni di straordinaria antichità. Oltre alle rovine del periodo greco-romano, tra cui un teatro, Pella offre ai visitatori l'opportunità di ammirare i resti di un insediamento calcolitico del IV millennio a.C., di altre città fortificate delle Età del bronzo e del ferro, chiese e case bizantine, un antico quartiere residenziale islamico e una piccola moschea medievale. Arrivo nella Riserva di Ajloun in serata. Cena e pernottamento in una cabina/capanna nella Riserva Forestale di Ajloun.

3° GIORNO: AJLOUN – JERASH – IRAK AL AMIR - MADABA
Prima colazione nella Riserva Forestale di Ajloun e check out. Partenza verso Jerash per la visita del sito archeologico. L’antica città di Gerasa è abitata ininterrottamente da 6.500 anni e visse il suo periodo di massimo splendore sotto il dominio dei Romani; oggi è una delle città di epoca romana meglio conservate al mondo. Sepolta per secoli sotto la sabbia, prima di essere riscoperta e restaurata negli ultimi 70 anni, l'antica Gerasa costituisce una splendida testimonianza della grandezza e delle caratteristiche dell'opera di urbanizzazione condotta dai Romani nelle province dell'impero in Medio Oriente: strade lastricate, colonnati, templi in cima ad alture, meravigliosi teatri, spaziose piazze pubbliche, bagni termali, fontane e mura interrotte da torri e porte cittadine. Pranzo libero. Nel pomeriggio proseguimento verso Irak Al Amir dove visiteremo la Cooperativa delle donne di Irak Al Amir, fondata nel 1993, dove donne e ragazze dei villaggi Wadi Al-Seer si sono riunite per coltivare l'artigianato locale (ceramica, saponi all'olio d'oliva, tessitura a mano e trasformazione dei prodotti alimentari). Arrivo a Madaba in serata. Cena e pernottamento al Pilgrim’s Guest House di Madaba.

4° GIORNO: MONTE NEBO - MADABA – PRANZO IN FAMIGLIA- KERAK - DANA
Prima colazione in guest house e check out. Partenza verso il Monte Nebo. Dalla cima battuta dal vento del Monte Nebo, si gode un panorama che abbraccia il Mar Morto, la Valle del Giordano, Gerico e le lontane colline di Gerusalemme. Qui Mosè vide la Terra Santa di Canaan in cui non sarebbe mai entrato. Il Monte Nebo divenne luogo di pellegrinaggio per i primi cristiani provenienti da Gerusalemme. A seguire visita di Madaba. A Madaba, che deve la sua fama a una serie di straordinari mosaici bizantini e umayyadi, si trova fra l'altro la nota mappa-mosaico di Gerusalemme e della Terra Santa, risalente al VI Secolo: con i suoi due milioni di tessere di pietra vividamente colorata, raffigura colline, valli, villaggi e città fino al delta del Nilo. Le chiese e le case di Madaba ospitano del resto centinaia di altri mosaici, risalenti al periodo compreso tra il V e il VII secolo. Pranzo presso una famiglia cristiana di Madaba. Durante il pranzo, potrete interagire con i membri della famiglia per capire la vita dei cristiani in un paese prevalentemente musulmano. Nel pomeriggio percorreremo la Strada dei Re. Menzionata per la prima volta con questo nome nella Bibbia, la Strada dei Re corrisponde al percorso che Mosè intendeva seguire guidando la sua gente verso nord, attraverso la terra di Edom, identificata con l'odierna Giordania meridionale. Sosta a Kerak. Il forte è un oscuro dedalo di sale con volte in pietra e infiniti passaggi: quelli meglio conservati sono sotterranei e raggiungibili tramite una massiccia porta. Di per sé, il castello è più imponente che propriamente bello, benché di grande interesse quale esempio del genio architettonico militare dei crociati. Arrivo a Dana in serata. Cena e pernottamento in un campo tendato nel cuore della Riserva della Biosfera di Dana.

5° GIORNO: TREKKING NELLA RISERVA NATURALE DI DANA E MINI CORSO DI CUCINA A PETRA
Prima colazione e check out. Mattinata dedicata all’esplorazione della Riserva Naturale di Dana, con una bella camminata di circa 3 ore (il White Dome Trail). Il sentiero è facile da percorrere e in parte si snoda lungo una strada in disuso e nell’ultimo tratto attraverso sentieri di pascolo beduini. Pranzo libero. Nel pomeriggio partenza in direzione di Petra. Alle 18 corso di cucina presso Petra Kitchen, dove imparerete a preparare dei deliziosissimi piatti tradizionali. Cena presso il Petra Kitchen. Pernottamento presso Friend House (o simile) a Petra.

6° GIORNO: PETRA – WADI RUM
Prima colazione e check out. Mattinata interamente dedicata alla visita di Petra. Spesso descritta come una delle otto meraviglie del mondo antico, Petra è sicuramente il tesoro più prezioso della Giordania e la sua maggiore attrattiva turistica. È una vasta città dalle caratteristiche uniche: i Nabatei, industriosa popolazione araba insediatasi in questa zona oltre 2000 anni fa, la crearono dalla nuda roccia e la trasformarono in uno snodo cruciale per le rotte commerciali della seta e delle spezie, grazie alle quali Cina, India e Arabia del Sud poterono entrare in contatto con Egitto, Siria, Grecia e Roma. Le gigantesche montagne rosse e i grandi mausolei di una vita passata non hanno nulla in comune con la moderna civiltà, e non chiedono altro che di essere ammirate per il loro vero valore come una delle meraviglie più stupefacenti che la natura e l'uomo abbiano mai creato. Pranzo libero. Partenza verso il meraviglioso deserto del Wadi Rum. Questo posto unico al mondo offre paesaggi favolosi, incontaminati e senza tempo. Qui il tempo e il vento hanno scavato imponenti e maestosi grattacieli naturali. Descritto da T.E. Lawrence come "immenso, echeggiante e divino", il Wadi Rum è sicuramente tra le mete da non perdere. Giunti nel Wadi Rum ci addentreremo nel cuore del deserto con una jeep 4x4 per un safari indimenticabile (durata 3 ore) e termineremo la gita in un campo tendato beduino. Cena e pernottamento presso il campo tendato.

7° GIORNO: WADI RUM – MAR MORTO
Presto il mattino, passeggiata a dorso di dromedario per assistere all’alba nel cuore del deserto. Ritorno al campo tendato, prima colazione e check out. Partenza verso nord lungo il confine israeliano. Fine pomeriggio arrivo sul Mar Morto. Senza dubbio uno dei luoghi più straordinari al mondo, la Rift Valley giordana offre un paesaggio splendido, che nei pressi del Mar Morto, raggiunge i 400 metri sotto il livello del mare. È la depressione più bassa del pianeta, un vasto specchio d'acqua che accoglie un gran numero di affluenti, tra i quali spicca il Fiume Giordano, le cui acque, una volta raggiunto il Mar Morto, non hanno ulteriore sbocco e devono forzatamente evaporare depositando un cocktail denso e ricco di sali e minerali che fornisce prodotti di ottima qualità a industria, agricoltura e medicina. Pranzo libero. Pomeriggio libero per rilassarsi sulla spiaggia del Mar Morto. Cena e pernottamento presso Mujib Chalet sul Mar Morto.

8° GIORNO: AMMAN - ITALIA
Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto di Amman, a seconda dell’orario del volo di rientro in Italia.

Date e prezzi
Prezzo
27/06/20 / 04/01/21
Quota per persona in camera doppia base 2-3 partecipanti
€ 1800
27/06/20 / 04/01/21
Quota per persona in camera doppia base 4-5 partecipanti
€ 1700
27/06/20 / 04/01/21
Quota per persona in camera doppia base 6-7 partecipanti
€ 1600
27/06/20 / 04/01/21
Quota per persona in camera doppia base 8-10 partecipanti
€ 1550
Incluso/Escluso

PREZZO DEL VIAGGIO A PERSONA in camera doppia
NUMERO MINIMO PARTECIPANTI: 2 persone. Il numero totale di partecipanti sarà reso noto a 20 giorni dalla partenza.

La quota di partecipazione comprende:
- assistenza in aeroporto (arrivo e partenza)
- pernottamento 7 notti in camera/tenda doppia/tripla con prima colazione
- trasporto durante il tour con vettura privata: da 2 a 5 partecipanti con autista parlante italiano; da 6 a 10 partecipanti con pulmino privato e guida parlante italiano
- pasti come da programma: 6 cene + 1 pranzo
- ingressi in tutti i siti menzionati nel programma
- trekking per due ore nella Riserva di Dana
- corso di cucina “Petra Kitchen” a Petra
- safari nel deserto del Wadi Rum con jeep 4x4
- passeggiata con dromedario (durata un’ora)
- bottiglie d’acqua a bordo durante il tour
- visto d’ingresso in Giordania
- tasse di soggiorno
- assicurazione medico bagaglio e contro annullamento viaggio
- organizzazione tecnica

La quota non comprende:
- volo aereo internazionale (a partire da euro 100 per persona)
- pasti e bevande non inclusi
- guide locali nei siti (su richiesta) per i gruppi da 2 a 5 persone
- extra personali
- mance*
- tutte le voci non comprese nel programma

La cifra stabilita prevede un certo tipo di vitto e alloggio e nel caso si desiderino delle sistemazioni diverse, il maggior valore sarà a carico del cliente.
* Le mance non sono incluse in quotazione, però, al momento della valutazione delle spese aggiuntive al viaggio sono da considerare. E’ una pratica diffusa, che in alcuni Paesi come la Giordania costituisce a tutti gli effetti una parte integrante del guadagno del personale impiegato nel turismo.

Appunti di Viaggio

Perché viaggiare responsabile?
Un viaggio di turismo responsabile si basa su principi di equità economica, tolleranza, rispetto, conoscenza e incontro. Porta a visitare le bellezze naturali, storiche e artistiche del paese visitato, dando però un “valore aggiunto” al viaggio: l’incontro con le popolazioni locali è visto come momento centrale dell’esperienza turistica, rendendo il viaggio un’imperdibile occasione di conoscenza di un altro popolo, delle sue tradizioni, dei suoi usi e costumi, in un’ottica di scambio culturale. Un viaggio responsabile mira a sostenere le economie locali dei paesi di destinazione utilizzando, per quanto possibile, servizi locali e lasciando dunque la maggior parte dei proventi turistici alle popolazioni locali. Le comunità visitate sono protagoniste nella gestione del viaggio o di una parte di esso, nonché dirette beneficiarie dei risultati economici che ne derivano.

IL VIAGGIO


La Giordania è situata nella regione storica della Mezzaluna fertile ma è in gran parte costituita da deserti e ampi altopiani. Si può dividere in tre zone principali: la Valle del Giordano, l'altopiano della Transgiordania e il deserto. L'altopiano della Transgiordania corrisponde alla zona dove sono situati i principali centri urbani, Amman, Zarqā, Irbid, e Karak, ed è il luogo di maggior interesse turistico vista la presenza dei più importanti siti archeologici come Jerash, Karak, Madaba e Petra, una delle sette meraviglie del mondo moderno.

Il fiume Giordano, dopo la sorgente sul monte Hermon (2814 mt.), crea una valle non più larga di 1 Km e dopo 340 Km sfocia nel Mar Morto. Il Giordano, assieme al suo affluente Yarmuk, sono la principale fonte idrica della Giordania e di Israele perché sono gli unici fiumi ad avere una portata relativamente costante per tutto l'anno.

Valore aggiunto al viaggio sarà dato dalla conoscenza di alcune realtà locali, come la visita alla cooperativa femminile Irak Al Amir fondata nel 1993, che coinvolge donne nella produzione e vendita di prodotti tipici locali, con un obiettivo di crescita personale e l’avvio di un percorso di autonomia tutto al femminile.


MODALITA'

Viaggio con accompagnatori locali, guida -archeologo parlante italiano per tutte le escursioni, trasporti interni con pulmini privati, alloggio in piccoli alberghi e una notte in campo tendato.
Quando partire: tutto l'anno
Interesse prevalente: archeologico, naturalistico, Buon Spirito di adattamento richiesto

NOTIZIE UTILI

Capitale: Amman
Superficie: circa 90,000 km²
Abitanti: circa 5.900.00 (52 ab./km²). La maggior parte della popolazione è di origine Palestinese ma sono presenti diverse minoranze etniche.
Religione:Islamica sunnita per il 92% con una minoranza cristiana ortodossa dell’ 8%.
Lingua: arabo
Moneta: Dinaro giordano (1 Euro = 0,8999 Dinaro Giordano)

DOCUMENTI

Sono necessari il visto e il passaporto con validità residua di almeno sei mesi. Il visto è obbligatorio e va richiesto alle autorità diplomatiche giordane presenti in Italia (Consolato e Ambasciata) o all’aeroporto d’arrivo, dietro pagamento di una tassa di 15 dollari USA. Il visto è valido per tre mesi dalla data del rilascio e consente di rimanere nel paese per un mese. Per ottenere un visto turistico che permetta 2 ingressi (non viene di norma rilasciato individualmente), occorre anche presentare una lettera dell'agenzia che esponga in dettaglio il programma di viaggio. Il costo del visto al momento dell'ingresso è di JD 10.00 (circa € 15,00).

VACCINAZIONI

Nessuna vaccinazione è obbligatoria per i viaggiatori provenienti dall'Italia. Si consiglia comunque di consultare il medico.

LA SALUTE DURANTE IL VIAGGIO

Situazione sanitaria discreta. Le strutture sanitarie e la reperibilità dei medicinali risulta nel complesso soddisfacente. E’ comunque buona norma adottare alcune misure preventive anche sotto il profilo alimentare: vanno evitati cibi crudi e locali non affidabili sotto il profilo igienico, non bere acqua corrente ma acqua e bibite in bottiglia senza aggiunta di ghiaccio. Può essere necessario l'utilizzo di farmaci specifici che riducano la diarrea e/o il vomito. Generalmente nelle zone turistiche e maggiori città del paese il controllo dei vettori e degli animali portatori di patologie (zanzare, ratti, bovini, cammelli ecc.) è ottimamente realizzato dalla autorità locali e nazionali, mentre le possibilità di contagio sono quasi inesistenti. È bene comunque utilizzare appositi repellenti per insetti. Infine, per evitare di contrarre la bilarziosi, è sconsigliato bagnarsi in acque dolci (fiumi, canali, laghi ecc.).

PRECAUZIONI IGIENICHE

In viaggio è sempre bene tenere presenti alcune semplici regole igienico-sanitarie atte a prevenire quelle problematiche determinate dal cambiamento di clima, ambiente, abitudini alimentari, che ogni viaggiatore esperto ha fatto proprie: Non bere mai acqua che non sia bollita o acqua e bevande che non siano contenute in bottiglie sigillate; Evitare l’uso del ghiaccio; Evitare il latte e i suoi derivati, a meno che siano stati preventivamente pastorizzati; Evitare il consumo di verdure, carne e pesci crudi e optare per la frutta che si deve sbucciare; Non acquistare i cibi dagli ambulanti; Non camminare a piedi nudi. I casi di epatite sono abbastanza frequenti in tutto il Paese. Si consiglia di lavare accuratamente gli alimenti (soprattutto frutta e verdura) e di fare particolare attenzione alle condizioni igieniche dei luoghi in cui si consumano i pasti.

VALUTA

Si può cambiare valuta straniera presso tutte le banche. E’ consigliabile prestare attenzione alle commissioni richieste. Alla partenza è complicato cambiare Dinari giordani in altra valuta, è quindi consigliabile acquistarne solo per gli importi ritenuti necessari. Si raccomandano Dollari in banconote da 50 e 100 non anteriori al 1990.

ELETTRICITA’

Corrente a 220 volts e 50 Hz. Le prese sono quindi di tipo europeo anche se in certe zone a Sud del paese potreste trovare prese a tre spinotti, tipo quelle inglesi per le quali serve un adattatore.

CUCINA

La cucina Giordana ha origini beduine, con leggere differenze regionali, ed è basata soprattutto sull'uso di carne di agnello e montone, accompagnata da riso e varie verdure saporite. I piatti sono elaborati, ricchi di spezie (non eccessivamente piccanti) e di aromi. Un pasto in genere inizia con una serie di piatti stuzzicanti che hanno la stessa funzione degli antipasti e si consumano con il pane in attesa del piatto principale, poi prosegue con una specialità a base di carne e verdura; alla fine del pranzo si consumano frutta o dessert. Sono antipasti il mezzeh (serie di portate varie composte da piselli od altri legumi, verdure, bocconi di pollo e di montone, pesci, cetrioli), l’ hummus (una tipica salsa di ceci, delicata e nello stesso tempo saporita, con olio e aglio, succo di limone e prezzemolo), il tabbouleh, un miscuglio tipo insalata di prezzemolo, cipolle e pomodori, olive e limone, accompagnati da burghul (tipo couscous).Tra le minestre (chorba) non c'è una grande varietà, si tratta generalment e di zuppe a base di legumi, con pollo e montone. Molto più ricca la scelta tra i secondi piatti tra i quali spicca il piatto nazione, il kebab: piatto di carne varia, può essere pollo o montone, e la carne può essere cruda o cotta, sia fritta che arrosto, oppure grigliata o bollita, accompagnata da cipolle e altre verdure.

CLIMA

Il paese presenta tre aree geografiche ben definite, la Valle del Giordano ad ovest, la zona dell’Altopiano transgiordanico al centro e la zona desertica a est, verso il confine con l’Iraq e l’Arabia. Il principale fiume del paese è il Giordano (il Ghor), mentre il lago principale è il celebre Mar Morto, il lago più salato del mondo che si trova in una depressione che arriva a sfiorare i 400 mt. Di profondità. Il clima della Giordania varia a seconda delle regioni. Nella Valle del Giordano esso è infatti generalmente caldo e più umido rispetto al resto del paese con temperature molto elevate durante il periodo estivo, mentre nella zona dell’Altopiano Transgiordano il clima è caratterizzato da estati calde e secche e inverni freddi. Nella parte meridionale del paese il clima è caldo e secco con temperature molto alte nel periodo estivo, mentre nel deserto è arido, con forti escursioni termiche tra il giorno e la notte e nessuna precipitazione.


Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!